Allisio - SEZIONE DI CARIGNANO "C.re M.A.V.M. Giovanni MANESCOTTO"

Vai ai contenuti

Menu principale:

Allisio

Carignano e l'ARMA

Capitano dei Carabinieri (Carignano, Torino, 1815 - ?) Cavaliere dell'Ordine Militare di Savoia - Arruolatosi ventunenne nel Reggimento Nizza Cavalleria, vi trascorse tre anni, raggiungendo il grado di brigadiere furiere.
In data 11 maggio 1840 entrò nel Corpo dei Carabinieri come carabiniere a cavallo, partecipando alla Prima Guerra d'Indipendenza (1848-1849) con il grado di brigadiere.
Promosso maresciallo nel 1850, chiese ed ottenne nel 1856 di partecipare alla campagna di Crimea, nel corso della quale prese parte a vari combattimenti ed alla stessa battaglia della Cernaia. In data 23 maggio 1858 conseguì la nomina a sottotenente e nel marzo 1860 la promozione a luogotenente.

Nel novembre 1861, mentre disimpegnava l'incarico di aiutante maggiore presso la Legione di Bologna, fu promosso capitano e trasferito alla Legione di Bari. Nella regione pugliese fermentava allora la crisi di adattamento della popolazione al nuovo ordine politico, di cui era un aspetto il dilagare del brigantaggio, contro il quale il capitano Allisio ebbe occasione di distinguersi in varie operazioni di servizio. Il 16 giugno 1863, alla testa di un distaccamento misto di Carabinieri, Cavalleggeri e Guardie Nazionali, egli riuscì a distruggere la temibile banda del brigante Pizzichicchio, meritando la Croce di Cavaliere dell'Ordine Militare di Savoia (oggi Ordine Militare d'Italia) con la seguente motivazione:
"Per l'intelligenza, perspicacia, bravura con cui si distinse il 16 giugno 1863 alla masseria Belmonte (Martina Franca, Taranto), ove fu distrutta la banda di briganti condotta dal capo Pizzichicchio".

Fonte ARMA dei CARABINIERI - www.carabinieri.it


 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu